domenica 18 maggio 2014

"Maledizione. C`ero sempre riuscita, da professionista, a schivare perfettamente la vita. Vita in tutti i sensi, non solo batterico, dico. Cioe` rumori, cattivi odori, confusione, bambini, supermercati, guasti, polveri, scorie. Non ci voleva molto, bastava la mia scrivania, un libro al centro, naturalmente aperto e un glicine dietro la finestra a suggerire un`aspirazione di orizzonte. Mi era venuto naturale, sempre, resistere al caos, e far coincidere col tappeto il perimetro esatto della mia autonomia. E con le gambe ferme sulla sedia-proprio al centro del tappeto- il conforto della solidita`. L`avevo sempre scampata, davvero. Sopravvissuta a ogni aggressione di felicita`, ogni strofinio di voci troppo ravvicinate o, come le chiamate voi, emozioni. Come avevano fatto la vita e la morte, tutt`e due, a stanarmi e raggiungermi fin qui?"

Elvira Seminara(Scusate la polvere)


2 Commenti:

Alle 20 maggio 2014 03:21 , Anonymous Giò ha detto...

"Due infelicità sommate, possono fare una felicità" (gesualdo Bufalino). Il brano è splendido, il video pure!

 
Alle 20 maggio 2014 04:59 , Blogger diamonds ha detto...

Gracias

http://youtu.be/OuzHUFlyGYI

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page