giovedì 29 gennaio 2015

Orzando

"Le donne, i cavalieri, l`arme e gli amori"..di questo e delle "faide editoriali" avrei voluto parlare. Ma al momento sul tema sono un po a corto di ispirazione, e anche su altri argomenti non scherzo. Ritroverò il filo lungo la strada

https://www.youtube.com/watch?v=Z4x2iv3e7AQ


This must be the place

«Vacci piano col Tai Chi»


venerdì 23 gennaio 2015

il lungo addio

Era stata una gestazione molto complicata. L`indagine che aveva rubato nove mesi della mia esistenza aveva portato alla luce un cumulo di menzogne tali da resuscitare i morti, e all`istituto nazionale di previdenza qualcuno si sarebbe leccato i baffi a leggere le risultanze di quell`investigazione nata sotto l`impulso di un capo settore che voleva per forza fare carriera. Tutti quei centenari morti quasi all`unisono erano quindi il frutto della paura di un giro di vite sui controlli da parte delle forze dell`ordine. In realtà erano morti anche da qualche decennio. Solo che i familiari, a volte con la complicità di fantasmatiche case di cura, e sempre con l'ausilio di impresari di pompe funebri riservati e fottutamente pragmatici, si erano scordati di denunciarne la scomparsa riservando loro forse solo l`onore di un funerale discreto, e soprattutto anonimo, per continuare a percepirne la pensione. A noi sarebbe toccato il compito di riesumare le prove di quei misfatti in bianco. Sembrava tutto molto chiaro, se non fosse che prima di tirare una riga su quel caso ebbi un ripensamento. Da quello che ero riuscito a ricomporre infatti si poteva desumere che si trattava nella maggior parte dei casi di famiglie che se avessero perso quel sostentamento sarebbero scivolate rapidamente sotto la soglia della povertà da cui non sarebbero mai risaliti, in quello strano paese dove i governanti che si avvicendavano non si facevano troppi scrupoli ad abbandonare la gente a un destino avverso per inalberarsi solo di fronte alla prospettiva che qualcheduno potesse prodigarsi per far levare dagli edifici pubblici quei crocifissi di cui peraltro non si erano mai neanche presi la briga di contemplarne il mistero. E forse fu proprio sulla base di quel ragionamento che decisi di consegnare le dimissioni invece che quella cartella, per poi provare a cominciare una vita nuova di zecca lasciando alla fonda tutte quelle ambascie.

martedì 20 gennaio 2015

su tutto ciò che è stato detto col silenzio bisogna tacere o straripare come un fiume di parole


https://www.youtube.com/watch?v=xaGlIbECccs







venerdì 16 gennaio 2015

di un cielo sconosciuto

In gioventù, e anche un po più tardi, m`innamoravo con una frequenza sospetta di quelle Dee della continenza che tenevano i banchetti nelle strade per conto delle stesse comunità che avevano fatto di loro reduci dalle fantasmagoriche cicatrici dello spirito. Non sono mai stato però mai abbastanza saggio o abbastanza bravo da saper far seguire a un desidero sospeso nell`aria un passo che inducesse qualcuna di quelle baccanti ancestrali a manifestarsi chiamando il mio sorriso impaurito e con le rotelle fuori posto a impegnarsi in una scintillante controversia senza vincitori, scanzonata come voci riunite in un solo brindisi



giovedì 15 gennaio 2015

Di un cielo capovolto - ("Je suis Charlie" - Il mattino dopo)

Sappiano le mie parole di sale



mercoledì 14 gennaio 2015

Il più grande filosofo, dopo il week-end


"Non ridurre la realtà a una cosa statica, per poi inventare metodi che ti consentano di arrivare a essa"

"Quando non si ha una forma, si può avere qualsiasi forma; quando non si ha uno stile, si può avere qualsiasi stile".


Bruce Lee