lunedì 26 maggio 2014

"Abitudine dei sovrani e dei festeggiati e` di arrivare in teatro alla fine del primo atto; non percio` e` da credere che capiscano meno di quanto accade sulla scena, anzi pare che il loro piacere sia piu` vivo appunto perche` incompleto. Ci si permetta, allora, pure essendo fervidi ammiratori del teatro di prosa o proprio per questa nobile ragione, di pensare che ben presto prenderemo l`abitudine di andar via alla fine di ogni secondo atto; poiche` tutto quanto avviene, in seguito, nelle commedie e`, generalmente, piacevole, ma ogni giorno minaccia di diventare piu` inutile. Tale inconveniente e` maggiormente sentito in quelle nostre commedie che, desiderando svolgere una tesi ottimista, intessono le biografie dei loro personaggi in una trama di sovrumana purezza. Quelle stesse creature, che nei primi due atti erano preda delle macchinazioni piu` tentatrici, giunte al terzo vengono ricondotte(con una grazia ferma ma non priva di rimpianto) al rispetto di ogni legge e di ogni disposizione prefettizia. L`autore rinfodera le sciabole, ossia caratteri, atmosfere, psicologia e sviluppi, e la battaglia e` rimandata a un altro giorno. Insomma, eccoli tutti pentiti. Per poco che ai tre atti soliti ne segua un altro paio e siamo alla consegna delle ricompense, al processo di beatificazione. Chi non ricorda quei pagliacci che, al circo, si mettevano in piedi sul parapetto della pista e, urlando, minacciavano di gettarsi a capofitto nella segatura, per poi scendere cautamente aiutandosi con le mani, e all`indietro? Cosi` sono i nostri personaggi: agitati e urloni ma, in fondo, tutti bravi, ubbidienti e privi di dubbi. Sorpassando i desideri del piu` severo censore, gli astuti si scopriranno da se stessi, i maligni si pentiranno, i processi di separazione verranno mandati a monte. Cosicche` essendo chiaro che queste cose avvengono alla fine di ogni dramma, la vita, nei terz`atti e` ferma e rosa, come la luce delle apoteosi".

Ennio Flaiano(vent`anni. 1939)


3 Commenti:

Alle 28 maggio 2014 10:03 , Anonymous Giò ha detto...

Non ci avevo pensato... andarsene via prima che tutto finisca, cosicché poi rimane il gusto dell'immaginare quel finale come ci pare, costruircelo per noi, in aperto dissenso, se è il caso, con l'originale, perché non lasci in bocca quel sapore vagamente dolciastro che cancella il ricordo della costruzione narrativa o, semplicemente, lo banalizzi. Una strategia che mi ricorda le cene da mia nonna quando, adolescente con fame atavica, non mi consentiva di sollevarmi da tavola sazio, altresì mi imponeva di lasciare qualcosa nel piatto “per Madama Educazione”. Ed il ricordo del non consumato rappresentava, appunto l'apoteosi del gusto. Viceversa, la completa sazietà è più prossima ala Nausea!

 
Alle 28 maggio 2014 11:01 , Blogger diamonds ha detto...

Forse anche Federico Caffe` allora si e` alzato dal tavolo prima che servissero il dolce. Probabilmente per non vedere come sarebbe finito il pranzo tra commensali che sragionano a pancia piena e si accorgono troppo tardi che c`e` un conto da pagare

http://youtu.be/8hIlsbhiKrU

 
Alle 28 maggio 2014 12:52 , Anonymous Giò ha detto...

Mi sa..! :-)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page